Condividi

Piano CasaIl Piano Casa, che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto permettere l’ampliamento della maggior parte delle abitazioni, sembra non permettere quanto avrebbe dovuto.
Secondo il Ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli infatti, il Piano Casa come viene revisionato attualmente dalle Regioni impedisce l’ampliamento del 60% degli edifici ad uso abitativo.

Un altro limite del Piano Casa sta attualmente nella burocrazia, che rallenta di molto le operazioni.
A questo proposito, il Ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli ha proposto l’abolizione dell’autorizzazione della Soprintendenza nei casi in cui i Comuni accettino i piani paesistici.

In tema di semplificazioni, nella prossima versione del Piano Casa, che potrebbe essere discusso nel prossimo Consiglio dei Ministri, si proporrà di centralizzarne la gestione.
Il Piano Casa centralizzato prevede un provvedimento legislativo nazionale che dovrà permettere l’approvazione di leggi regionali entro il 31 dicembre 2011.

- Edilio, Edilportale -

Tagged with:
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>