Condividi

Riqualificazione Energetica degli EdificiEffettuare una riqualificazione dell’efficienza energetica degli edifici è importante per l’Italia ma anche per le famiglie.

Secondo il dossier di Legambiente la riqualificazione energetica può portare ad ogni famiglia un risparmio tra i 200 e i 500 euro l’anno sulle spese per il riscaldamento e il condizionamento, rispetto ai 1500-2000 stimati per le case tradizionali. Se per riscaldare un edificio di classe E sono necessari oltre 120 kWh/mq anno, per una casa in classe A ne bastano circa 30 kWh/mq anno: quattro volte in meno, con una significativa riduzione delle emissioni di CO2.

L’Italia, inoltre, dovrà allinearsi nei prossimi anni con le direttive europee in materia di ecosostenibilità, proprio attraverso l’efficienza energetica degli edifici, soprattutto di quelli già esistenti: ad oggi, il 60% degli investimenti immobiliari riguarda le opere di ristrutturazione – e si stima che il dato sia destinato a crescere nei prossimi anni raggiungendo una percentuale dell’80% . Una straordinaria opportunità di crescita per tutti gli installatori che possono contare su una domanda destinata a salire per gli interventi di riqualificazione impiantistica sia degli edifici abitativi, sia delle strutture pubbliche.

Durante il convegno “Recupera l’esistente. Casa Kyoto e le 10 mosse della riqualificazione” sono state illustrate le “dieci regole d’oro” per rendere la propria abitazione efficiente sul piano energetico, e quindi più economica sotto il profilo dei costi, e le agevolazioni finanziarie messe a disposizione dal Governo.

E sempre di risparmio energetico si è parlato a “Come vivere meglio senza sprechi energetici e inquinamento atmosferico”, il convegno in cui è stato affrontato il tema dell’isolamento termico degli edifici in ogni suo aspetto: dalle soluzione per contenere le dispersioni energetiche nei fabbricati esistenti ed elevare l’immobile dalla classe G alla classe C o B, ai benefici fiscali garantiti dal Governo per chi riqualifica la propria abitazione, senza dimenticare i dettagli più tecnici di sicuro interesse per gli operatori di settore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>