Condividi

Mercato immobiliare: prezzi in calo? Solo un allarme.Nessun rischio subprime. Una previsione del Rapporto Censis che molti ritengono azzardata.

Secondo il Censis, la causa della eventuale riduzione dei prezzi delle abitazioni sarebbe l’Imu, la nuova tassa sugli immobili che ha sostituito l’Ici. Secondo la ricerca, infatti, le famiglie italiane si troverebbero in difficoltà per l’eccessiva tassazione e le ingenti spese che gravano sempre più sulla casa e, per questo motivo, si troverebbero nella necessità di vendere la loro casa a prezzi più bassi.

Si arriverebbe così ad un pericoloso crollo dei prezzi. Sarebbe a rischio, quindi, il valore della casa, considerando anche l’aggravio fiscale portato dalla rivalutazione degli estimi catastali. Il condizionale è d’obbligo, in questo caso. E in effetti, le ipotese del Censis non sono condivise. Scettici voci autorevoli del settore immobiliare, come Fiaip, Assoedilizia, Assoimmobiliare e molte altre associazioni di categoria, tutte concordi nell’affermare che le previsioni Censis non corrispondono alla realtà del mercato immobiliare nazionale. È pur vero che l’introduzione dell’Imu e il conseguente aumento della tassazione sulla casa creano oggi dei problemi per le famiglie, per le giovani coppie, per i piccoli investitori che non si sentono molto incoraggiati all’acquisto per investimento. Ma la notizia del crollo dei prezzi e quindi del valore degli immobili è solo un’ipotesi che non lascia prevedere alcun rischio subprime. Comunque, un allarmismo da evitare e… da ignorare.

Tagged with:
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>