Condividi

Cedolare secca sugli affitti 2012 modello 730Nel modello 730 del 2012 appare per la prima volta la cedolare secca sugli affitti introdotta lo scorso anno dal decreto sul federalismo fiscale municipale.

La scelta tra la cedolare con aliquota fissa o imposta sostitutiva (alias cedolare secca) e l’imposizione con le aliquote Irpef ordinarie va indicata nel quadro B del modello 730. È a tutti noto che l’imposta sostitutiva sulla locazione è stata introdotta con l’obiettivo primario di alleggerire il peso fiscale sulle locazioni e combattere così il fenomeno sempre più diffuso degli affitti in nero: una escamotage alla quale si ricorre sempre più spesso per sfuggire al Fisco.

Ma finora i risultati ottenuti non corrispondono alle aspettative dei proprietari di immobili che hanno dato in affitto un loro appartamento. La cedolare secca potrebbe trarre vantaggio solo dall’aumento della base imponibile dei redditi da locazione ipotizzata per finanziare la riforma del lavoro.

Infatti, chi sceglie ora il regime di tassazione ordinario paga l’Irpef sull’85% del canone annuo con una riduzione che tiene conto delle spese sostenute dal proprietario, fra le quali quelle per la manutenzione dell’immobile. Ma si ipotizza un aumento Irpef al 95%. In questo caso, si ridurrebbe la distanza tra le due basi imponibili, in quanto la cedolare si paga sul 100% del reddito e la cedolare secca diventerebbe più conveniente. Ma siamo ancora nel campo delle ipotesi.

Tagged with:
 

One Response to La cedolare secca sugli affitti 2012 debutta nel modello 730

  1. Giuseppe Polli scrive:

    nel modello 730/2012 chi ha operato per l’opzione per la cedolare secca nel corso del 2011 ha anche l’obbligo di indicare gli estremi del contratto di locazione, un adempimento che consente all’Amministrazione finanziaria di verificare la rispondenza tra il canone dichiarato come imponbile cedolare secca e quanto risulta agli atti registrati. Alla faccia della semplificazione…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>