Condividi

Aumento di mutui nel 2011 L’anno 2011 si è concluso registrando un aumento nei tassi e nella durata dei mutui.

Le famiglie italiane impiegano circa 23 anni e cinque mesi in media per acquistare un’abitazione. Rispetto al 2010 c’è un aumento della durata di due mesi mentre l’andamento dei tassi d’interesse mostra un nuovo incremento (+0,64%) che insieme al rialzo dei costi delle banche ha influito sul tasso medio applicato nei mutui ipotecari per l’acquisto delle abitazioni che si è attestato al 3,37%. Tra le diverse aree del paese i tassi medi per i mutui risultano più elevati nel Sud (3,71%) e nelle isole (3,59%), mentre quelli più bassi si registrano nel Nord (3,2%).

Lo afferma il “Rapporto immobiliare 2012”, realizzato dall’Agenzia del territorio in collaborazione con l’Abi, secondo il quale, inoltre, il rialzo dei tassi d’interesse, combinato alla leggera diminuzione del capitale unitario erogato, ha portato a un aumento generalizzato della rata mensile, che è passata da 660 euro nel 2010 a quasi 700 euro mediamente nel 2011. La differenza dei rapporti nelle diverse aree geografiche è dovuta al maggior capitale erogato; infatti l’importo più alto si registra per le regioni del Centro dove il valore medio di un’abitazione supera di circa 1/3 il valore medio nazionale. Al Centro infatti si paga mediamente una rata di 792 euro, contro le 686 del Nord-ovest e le 672 euro del Nord-est.

Tagged with:
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>