Condividi

Obbligo energie rinnovabili per le nuove costruzioniÈ in vigore dal 31 maggio 2012 l’obbligo di integrare fonti rinnovabili negli edifici nuovi e in edifici sottoposti a interventi di ristrutturazioni rilevanti.

In base al cosiddetto Decreto Rinnovabili e secondo la direttiva 2009/28 CE sulla promozione dell’uso dell’energia rinnovabile (articolo 11, allegato 3 del Dlgs n. 28/2011), è obbligatorio prevedere l’uso di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, elettricità e raffreddamento.

Gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire la copertura del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria mediante energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili e di precise percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento.

L’obbligo di consumi termici rinnovabili vale anche per gli edifici esistenti che abbiano una superficie utile maggiore di 1.000 metri quadrati soggetti a ristrutturazione integrale o soggetti a demolizione e ricostruzione. Per gli edifici pubblici gli obblighi di integrazione sono incrementati del 10%.

Da precisare che gli obblighi previsti dalla normativa non possono essere assolti mediante impianti da fonti rinnovabili che producano soltanto energia elettrica, che alimenti a sua volta dispositivi o impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento.

È compito del progettista evidenziare nella relazione tecnica l’eventuale impossibilità tecnica di adeguarsi agli obblighi di integrazione (art. 4, comma 25, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>