Condividi

In Europa si cercano appartamenti piccoliPer il terzo anno consecutivo RE/MAX Europe ha condotto un sondaggio del mercato del Real Estate che ha coinvolto 641 operatori di circa venti nazioni europee.

L’indagine, che ha cadenza annuale, raccoglie dati che mostrano che tipo di immobili le persone ricercano, in che zone vogliono vivere e l’evoluzione dei prezzi.
La valutazione complessiva mostra un mercato immobiliare in Europa nel complesso stabile, anche se leggermente in calo in alcuni paesi. La domanda di immobili in locazione sta crescendo per il 54% degli intervistati mentre quella per l’acquisto è stabile per il 39% e in decremento per il 37%.

Comparando i dati al 2011, il mercato è rimasto stabile, visto che lo scorso anno il 56,4% dei partecipanti aveva rilevato la domanda in aumento. In generale, è ancora considerato un mercato di acquirenti, proprio come nel 2010, quando l’economia debole spingeva verso il ribasso i prezzi. Prezzi che oggi sono considerati relativamente stabili nel segmento di minore pregio sia per l’acquisto (43,6%) sia per l’affitto (43,6%), mentre quelli del comparto di valore elevato sono in diminuzione sia per l’acquisto (57,9%) sia per l’affitto (56,4%).

L’indagine ha rilevato anche una crescita delle “vendite da privato” (56%), mentre in alcuni Paesi la stretta creditizia rappresenta una fonte di preoccupazione, perché è difficile per i potenziali acquirenti ricevere i finanziamenti necessari da parte delle banche.

Come nel 2010 e nel 2011, il principale focus dei mercati immobiliari è ancora nelle città, dove il mercato è più attivo rispetto alla periferie o alla campagna: tra il 72,4% e il 76,9% delle case compravendute sono infatti situate nei centri urbani. Nel mercato corrente è difficile vendere le proprietà di alto valore come ville, proprietà di lusso come e case vacanza, dove si assiste a un decremento della domanda. La richiesta di piccoli appartamenti e monolocali, nonché villini è invece buona per il 20,5% fino al 36,5% dei partecipanti al sondaggio.

In generale, la domanda è in aumento soprattutto per gli immobili in vendita – circa il 53,6% di addetti crede che i clienti stiano investendo in immobili come fonte di risparmio e di accantonamento per quando andranno in pensione. Come nel 2011, i fattori più importanti per chi compra o affitta sono ancora il prezzo (82,1%) e la posizione (58,8%). Secondo le opinioni degli osservatori sta continuando un trend dal 2011: “moltissimi clienti guardano i loro vicini come criterio per valutare un immobile. Buone scuole e i social network sono fattori chiave quando consideri di comprare o affittare una casa”, sottolinea l’indagine. Questo si adatta bene con le caratteristiche dell’acquirente: i migliori compratori in Europa (43,5%) hanno dai 35 ai 50 anni mentre coloro che si trovano in un’età tra i 20 e i 25 anni d’età per la maggior parte (58,6%) sono scelgono l’affitto e non comprano quasi mai (59,1%).

Tagged with:
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>